header image
Home arrow Notizie arrow Bici arrow Sabato 7 Giugno: la celebrazione dell'impresa
Sabato 7 Giugno: la celebrazione dell'impresa E-mail
Scritto da Presidente   
14 Giu, 2008 at 07:18 PM

Sabato 7 Giugno, presso il Ristorante dalla Lina a Montecodruzzo, si è svolta la prevista cena per festeggiare l'impresa del presidente alla 9 Colli.

Il presidente infatti l'aveva promessa a Toni-Furet, senza l'aiuto del quale l'impresa sarebbe rimasta un sogno; altre numerose quaglie, per le quali il cibo è sempre un irresistibile richiamo, si sono aggregate.

Al cospetto del pubblico che più ama (le "sue" quaglie), il presidente ha ritenuto giusto declamare un piccolo pensiero sull'amicizia, che di seguito riportiamo.

 Che cos’è un amico?

A questa domanda molti hanno tentato di dare risposta:  saggi, filosofi, grandi uomini e uomini semplici…risulta perciò difficile esprimere un pensiero proprio in materia, che esca dagli stereotipi e dai luoghi comuni o che comunque possa essere più profondo e compiuto delle definizioni di tanti personaggi illustri.

 Per questo io, pur non essendo certamente meno illustre, non cercherò un nuovo concetto ma sfrutterò una definizione che mi è sempre piaciuta, nella quale credo molto:“Un vero amico non si vede nel momento del bisogno, un vero amico si vede sempre.” 

Personalmente sono fermamente convinto di questo: nel “momento del bisogno” certamente gli amici ci servono, ma spesso è meglio che in quel momento arrivi un’ambulanza, ci sia un dottore o, in altri casi, si verifichi una vincita al Superenalotto! 

Un amico vero invece c’è sempre, anche quando non hai nessun bisogno, anche quando nasce in te un piccolo-grande desiderio, un traguardo per te importante ma che, giustamente, per il resto del mondo vuol dire poco o niente; nella vita spesso ci poniamo obiettivi, piccoli traguardi volanti –di qualsiasi tipo- che ci aiutano ad andare avanti, ad accrescere la fiducia in noi stessi, a stare meglio.

E, a volte, capita: capita che l’amico capisca che stavolta tocca a lui, che è quello il momento in cui farsi sentire, capisca che quella cosa per te conta; capita che, senza preavviso, ti chiami la sera tardi per dirti, prendendoti anche un po’ in giro: “Ehi, se ti vuoi allenare davvero domattina presentati alle 7 a casa mia, facciamo due ore tirate, poi usciamo con gli altri; ah, dimenticavo, non mangiare a colazione perché vomiterai!”

Poi l’amico ti sta al fianco, a scapito anche del suo allenamento, e ti sprona, ti urla nelle orecchie; non sembra neanche più un amico quando ti chiede, alla fine di due ore di fatica immonda: “ Stai per vomitare?”…”Sì”…”Allora sui pedali e scatta!”; e diventa il tuo incubo quando la sera ti telefona e ti chiede: “Cosa stai mangiando?”; o quando alla mattina ti arriva un sms che tu leggi con trepidazione e che dice: “Niente paste né latte, solo caffè e fette biscottate!” 

Ma questo ti fa coraggio, perché se lui fa così vuol dire che comincia a crederci… e allora ci credi di più anche tu e ti carichi e spingi di più e accetti i piccoli sacrifici volentieri. 

E poi arriva il giorno e tu ti senti forte, non lo fai solo per te ma anche per il tuo amico; hai fatto tanta fatica ma quando parti senti le gambe potenti, quando chiedi loro di più senti che rispondono e quando fori non ti demoralizzi ma trasformi la rabbia in adrenalina; e quando comincia a piovere alzi la testa e sfidi anche la pioggia: nulla ormai ti può fermare, ti rendi conto che ce la farai ed il cuore si apre… 

E quando arrivi il primo pensiero, dopo ed insieme a “Ce l’ho fatta!”, è “Grazie!” 

Grazie all’amico che c’è anche quando non ne hai “bisogno”, grazie a Furet, grazie a Toni.  

Solo una Quaglia Reale può essere così.

cena Toni.


User Comments
Please login or register to add comments

Chi è on-line
Abbiamo 29 ospiti collegati
Aforismi del Pres

Faccio sempre ciò che non so fare, per imparare come va fatto.

Vincent Van Gogh

Quaglie in azione
GCQR.jpg
Sondaggio
Una nuova Quaglia è stata democraticamente eletta: Dori. Siete contenti?